Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2013

Thriller by Michael Jackson

Immagine
E' per me una cosa non poco impegnativa recensire un album come questo. Non solo perché è il mio album preferito, ma anche perché obiettivamente si tratta di qualcosa di unico, particolare, singolare, difficile da recensire proprio per questa sua unicità e specificità che lo rende per me straordinario e che, del resto, per tutto il mondo è l'album più venduto della storia della musica. Oggi, però, che è il quarto anniversario della scomparsa fisica di Michael Jackson, non potevo astenermi dal dedicargli un post speciale qui sul blog. Posso dire che è stata la recensione più difficile che ho fatto finora, ma anche quella più emozionante.
Wanna Be Startin' Somethin': ★★★★☆ Ho sempre visto bene questa canzone piuttosto che in questo album all'interno di Off The Wall, che ho già recensito, del resto era stata composta proprio per quest'album (cosa di cui sono venuta a conoscenza prima di avere questo pensiero riguardo la canzone); penso che questa mia opinione sia d…

The Open Door by Evanescence

Immagine
Oggi ho deciso di dedicarmi alla recensione di un album di un gruppo alternative metal, cioè gli Evanescence. Poiché ero indecisa su quale album recensire ho scelto quello "intermedio" cronologicamente, inoltre ho avuto modo di trovare ottime traduzioni di ogni canzone dell'album, cosa non poco importante ai fini della recensione.
Sweet Sacrifice: ★★★☆☆ Devo ammettere che all'inizio, sia per le parole che per la musica, questa canzone mi era davvero apparsa banale. Insomma, "La paura è solo nelle nostre menti" è un messaggio classico di canzoni/film/libri che spesso e volentieri finisce per annoiare ed anche la musica non mi entusiasmava più di tanto. In seguito, quando Amy Lee si inizia a rivolgere alla "dolce creatura innocente", il testo diventa veramente bello, suggestivo, inquietante ed interessante e quel "La paura è solo nelle nostre menti" assume più senso. Riguardo alla musica, posso dire che non è affatto banale come mi sembrava…

La sirena di Giuseppe Tomasi Di Lampedusa

Immagine
Ho pensato che sarebbe stato bello aggiornare un po' la sezione libri con una bella recensione su un racconto breve che ho letto verso Novembre, avevo già preparato una recensione per la scuola, che ho un po' modificato per adattarla allo stile del blog.
La sirena” di Tomasi Di Lampedusa fu composto dall’autore durante i suoi ultimi mesi di vita, quando già sapeva di essere gravemente malato. Fin dalle prime pagine, il racconto colpisce per il registro linguistico disinvolto e vivace, che raggiunge l’apice dell’eleganza in certi passi ed in altri invece è caratterizzato anche da termini dialettali torinesi che, insieme con le eccezionali descrizioni e dialoghi, contribuiscono a trasportare ancora di più il lettore all’interno della realtà in cui si svolge la vicenda. Le storie raccontate, in effetti, sono due: una d’amore e l’altra d’amicizia. A narrare è il protagonista, Paolo Corbéra, un avvocato di origini siciliane, che dopo due delusioni amorose finisce per recarsi ogni …

The Vampire Diaries 4x23 GRADUATION & Bilancio generale

Mi ero ripromessa che questa recensione avrebbe aperto Giugno e in effetti è così che succede, visto che questo è appunto il primo post di Giugno, quindi tecnicamente il mio ritardo di 10 gioni va perdonato. Oggi mi ritrovo a recensire l'ultima puntata della quarta stagione di The Vampire Diaries ed anche a valutare in maniera generale, brevemente, tutta la stagione.
Matt e Rebekah: Li commento insieme perché in pratica li abbiamo visti solo insieme. Partendo dal presupposto che per me sono entrambi inutili sia singolarmente che insieme, parlandoci chiaro, devo dire che mi ispirano indifferenza e noia, non posso farci niente. Anche nel momento della bomba non ho avuto alcuna tensione, non perché la scena era fatta male, ma proprio per una cosa mia. Inoltre, questa cosa del viaggio è abbastanza banale, si è vista in 200 telefilm, però sono dettagli.
Bonnie: Ammetto che quando Caroline parlava dei progetti futuri lo sguardo di Bonnie mi ha un po' commosso. Non mi è mai piaciuto i…